Needling: cos’è e come funziona? Scopriamo una nuova tecnica estetica

Condividi se l'articolo ti è piaciuto!

 131 visualizzazioni totali,  1 visualizzazioni odierne

L’epidermide ha bisogno di essere curata in modo attento. Per riuscirci in modo ottimale è necessario prendersene cura sino da quando si è giovani. Ma con il corso del tempo, a causa dell’invecchiamento cutaneo, dello smog, delle polveri, delle problematiche date dall’alimentazione o da stili di vita errati, si vanno a creare sulla pelle degli inestetismi che sono difficili da combattere.

Per contrastare in modo ottimale gli inestetismi della pelle ci sono diversi trattamenti che si possono effettuare nei centri estetici, in quelli dermatologici, e nei centri di medicina estetica. Ma uno dei più innovativi e moderni è il needling. (ma attenzione a non confonderlo con il microneedling)

Needling: cos’è?

Il needling è una tecnica moderna che permette di rigenerare e rivitalizzare la pelle del corpo e del viso. Con gli strumenti utilizzati con il needling è possibile stimolare la produzione dell’elastina e del collagene. Per questo trattamento si utilizza una penna dermica di tipo elettrico con degli aghi, che vanno da un minimo di 15 fino a più di 30. Gli aghi penetrano nelle zone più profonde dell’epidermide, penetrando così in modo controllato con una velocità che va dalle 25 volte al secondo.

Gli aghi che penetrano all’interno della superficie del derma, e principalmente nella zona in cui si vuole eliminare il proprio inestetismo, si ha la possibilità di stimolare il processo di rigenerazione e di guarigione dell’epidermide. La guarigione stimola la produzione dell’elastina e anche quella del collagene, grazie al sistema auto-rigenerante del nostro organismo.

La penna dermica per il needling penetra in modo verticale. In questo modo, i suoi micro-aghi quando penetrano all’interno della pelle non la danneggiano in modo permanente. Ma creano uno stato di infiammazione che induce la pelle a rigenerarsi in modo corretto, eliminando anche i precedenti segni e inestetismi della pelle.

inestetismi-pelle

Quali sono i campi d’applicazione del needling

Il needling presenta dei precisi campi di applicazione. Questa tecnica estetica prevede che in questo settore ci si occupi di:

Biorivitalizzazione: il needling permette il ricambio fisiologico cellulare, così si stimola la produzione di elastina e collagene, e la pelle diventa più elastica, lucente e tonica.

Rughe: si ottiene un effetto lifting, in questo modo si va a ringiovanire il viso principalmente nella zona degli occhi e in quella intorno alle labbra.

Smagliature: la produzione dei fibroblasti, le cellule del tessuto connettivo, permettono di favorire la sintesi del collagene, l’effetto elasticizzante che mantiene così la compattezza oltre che la tonicità dell’epidermide.

Danni cutanei a causa dell’invecchiamento: un trattamento anti-aging per il viso, il décolleté.

Acne: con il needling si può andare a ridurre l’azione seborroica e al contempo si ha un effetto antibatterico e antisettico che permette di eliminare anche le cicatrici da acne.

Come avviene un trattamento di needling

Un trattamento di needling prevede che si sottoponga il paziente innanzi tutto ad una visita molto accurata. Solo in questo modo è possibile evitare eventuali controindicazioni. Il trattamento che avviene con la Dermopen non risulta eccessivamente doloroso, ma solo fastidioso, specie in alcune zone del viso.

Per effettuare il trattamento di needling in modo ottimale si procede all’uso della dermopen per la zona da trattare per almeno 20 minuti. Per ottenere dei risultati ottimali sarebbe necessario fare almeno 4 sedute a distanza di 40 giorni, in questo modo si permette al collagene di riformarsi.

Lascia un commento