Pneumatici auto, è il momento dei test comparativi per scoprire i migliori del 2020

Condividi se l'articolo ti è piaciuto!

 62 visualizzazioni totali,  2 visualizzazioni odierne

Dal 15 novembre sono entrate ufficialmente in vigore in tutta Italia le ordinanze che regolano la circolazione nei mesi invernali lungo le strade a rischio neve e fenomeni atmosferici critici: da Nord a Sud Italia, sono tanti i tratti in cui vale l’obbligo e gli automobilisti che non hanno ancora eseguito il cambio gomme e sostituito le estive devono quindi provvedere.

Le regole di circolazione

Come ricorda il sito Asaps – il portale della sicurezza stradale – il Codice della Strada prescrive che sulle strade montuose o comunque ritenute più “pericolose” nei mesi invernali “i veicoli siano muniti ovvero abbiano a bordo mezzi anti-sdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio” nel periodo che va dal 15 novembre, appunto, fino al successivo 14 aprile.

Come trovare le gomme invernali giuste

Oggi l’e-Commerce ha allargato le possibilità a disposizione degli automobilisti alla ricerca del nuovo treno di gomme, ma spesso non è facile riuscire a scegliere un prodotto e individuare quello più adatto alle proprie esigenze, anche di budget. Sui siti specializzati come euroimportpneumatici.comci sono infatti tantissime pagine dedicate agli pneumatici invernali a prezzi convenienti, e leggere i risultati dei più recenti test eseguiti da AutoBild offre l’opportunità di scoprire quali sono le vere performance di questi modelli, in particolare in dimensione 225/45 R17, una delle più diffuse del mercato.

I test comparativi, un riferimento per scegliere gli pneumatici migliori

Sono 4 i modelli che si sono guadagnati la valutazione di “esemplare” dai severi ispettori del magazine tedesco, ovvero Goodyear UltraGrip Performance+, Michelin Alpin 6, Bridgestone Blizzak LM005 e VredesteinWintrac Pro, che non hanno lamentato alcuna criticità particolare in alcuna prova, se non lievi punti deboli. Il commento complessivo dei tester è di fidarsi e investire su pneumatici di qualità e di brand rinomati, che danno maggiori garanzie soprattutto nello spazio di arresto nella frenata su bagnato, nettamente inferiore rispetto a quello raggiunto nelle prove da marchi sconosciuti o troppo economici.

Le caratteristiche delle gomme invernali Michelin

In dettaglio, il voto più alto viene conquistato dal modello Goodyear UltraGrip Performance+, lodato per le sue “caratteristiche di guida esemplari su superfici bagnate e innevate” e meritevole del miglior punteggio nelle prove su neve. Secondo Auto Bild, questa gomma garantisce una risposta di sterzo precisa, una guida dinamica sul bagnato e sulla neve, ridotti spazi di frenata sul bagnato e su neve e un elevato potenziale di chilometraggio.

Anche le Bridgestone sono esemplari

Di poco inferiori sono le performance delle gomme invernali Bridgestone Blizzak LM005, che vantano buone caratteristiche di guida su superfici bagnate e asciutte, una efficace dinamica di guida su asciutto e bagnato e una buona precisione di guida. I tester tedeschi, tuttavia, hanno anche notato un controllo laterale sulla neve che non supera la media dei competitor ed è quindi inferiore rispetto ad altri parametri.

Prestazioni eccellenti per Michelin

Sono giudicati molto buoni e dal comportamento esemplare anche gli pneumatici invernali Michelin Alpin 6, che garantisce massime prestazioni su neve e su bagnato e, in particolare, assicurano brevi spazi di arresto sul bagnato, protezione contro l’aquaplaning,comfort di marcia e sterzo preciso. Il punto critico di questo modello è solo il costo, superiore di quello degli altri pneumatici messi “sotto torchio”.

I sorprendenti pneumatici invernali Vredestein

Sorprendente l’ultima gomma che si è guadagnata la menzione speciale, ovvero la VredesteinWintrac Pro, descritta come “un nuovo modello invernale con caratteristiche di guida convincenti su superfici bagnate e asciutte”, con un comportamento dinamico sul bagnato e qualità invernali sicure che fanno passare in secondo piano una lieve resistenza al rotolamento più elevata e un controllo laterale sulla neve di livello solo medio.

Rispetto agli altri competitor, infatti, forse il marchio Vredestein è meno noto presso l’opinione pubblica: il brand è originario dei Paesi Bassi e ha iniziato la sua attività commerciale nel 1909, e una decina di anni fa è stato acquistato dalla multinazionale indiana Apollo Tyres, che ha portato a una notevole diffusione della gamma, capace non solo di intercettare le tendenze attuali del mercato, ma ha di ottenere ottimi risultati nei test di prodotto, come dimostrato anche da AutoBild.

Lascia un commento